Galleria fotografica
Dove si trova

Mappa dei luoghi della Provincia di Lucca   icona

Sacrum Luce
Link collegati
Ti piace questo sito?
chiesa

Sant'Alessandro


Tipologia: Chiesa
Comprensorio: Piana di Lucca
Comune/Località: Lucca

La chiesa di San Alessandro Maggiore, situata nella zona centrale di Lucca, è inserita all'interno di una delle insulae dell'antico reticolo stradale romano, a pochi passi dalla piazza di San Michele in Foro.
Esemplare prototipo della più antica architettura "romanica" lucchese, l'edificio è da sempre considerato un caposaldo per gli studi di architettura toscana di età medievale. La basilica, suddivisa in tre navate, è coperta da volte a crociera e dotata di abside perfettamente semicircolare.
La facciata, straordinariamente semplice, si caratterizza per l'elegante portale e per la qualità dell'apparato murario con fasce di tonalità leggermente più scura.
Notizie storiche

La chiesa è attestata per la prima volta nell'anno 893. Nnel 1071 Alessandro II, papa e vescovo di Lucca, vi fece trasferire da Roma il corpo di Sant'Alessandro I, occasione in cui fu costruita la cripta oggi interrata.
La traslazione del corpo testimoniò il legame strettissimo che il pontefice aveva mantenuto con la città e la considerazione che nutriva per l'antico predecessore dal quale aveva tratto il nome.
Le straordinarie peculiarità architettoniche dell'edificio hanno destato l'attenzione della critica, che lo considera tra i capostipiti architettonici del secolo XI. Nel Duecento la chiesa rivestì un ruolo di grande importanza civile, ospitando la Curia dei Foretani, cioè il tribunale del Comune di Lucca delegato a giudicare le controversie fra cittadini e contadini.
Nel XVI secolo l'edificio fu coperto con volte a crociera, la cripta fu interrata e il corpo di Sant'Alessandro venne trasferito nell'altare maggiore, nelle navate furono inoltre aperte finestre più ampie. Al 1840 risale un importante restauro della chiesa, voluto dal Duca Carlo Lodovico: gli interventi vennero diretti con sensibilità non comune da Lorenzo Nottolini, mentre Michele Ridolfi dipinse l'abside ad encausto.

Hai trovato l'informazione utile?

Si Forse No
chiusura